hanno dato la loro vita per amore e fedeltà a Cristo

Sorelle martiri

Suor Esperanza de la Cruz

Suor Gabriella di San Giovanni della Croce

Suor Refugio de San Angelo

Suor Daniela de San Bernabé

Suor Esperanza de la Cruz, cm

È nata a Ventolá (Gerona) il 27 febbraio 1875. All'età di 20 anni è entrata nel noviziato delle Missionarie Carmelitane di Grace-Barcellona. Ha professato come suora CM il 3 dicembre 1896. 

Per i primi anni svolse la sua missione nella cura dei malati, ma poi si dedicò completamente all'insegnamento. Ha affrontato le difficoltà dell'insegnamento in questi tempi duri nella Spagna degli anni Trenta. 

L'orizzonte politico diventava sempre più difficile e lei era pronta al martirio senza indugio. Nel 1936, mentre era superiora della comunità-collegio di Vilarrodona (Tarragona), fu arrestata dal "Comitato rosso", subì umiliazioni e fu uccisa sul ciglio della strada a LA RABASSADA (BARCELLONA) il 31 luglio 1936. 

Si distingue per la sua profonda gentilezza, comprensione, amore fraterno e servizio.

Suor Maria Refugio de San Angelo, Cm

È nato a Gavarra (Lérida) il 20 aprile 1878. Entrò nel noviziato delle Missionarie Carmelitane di Grace-Barcellona nel 1897. Professa suora missionaria carmelitana il 20 dicembre 1898.

Era caratterizzata da trasparenza, semplicità e donna di preghiera. Impauriti e vilipesi dal pericolo del martirio, ma pronti a "tutto ciò che Dio vuole".

Mentre era vicaria della comunità di Vilarrodona, fu arrestata insieme a suor Esperanza dal "Comitato rosso" e fucilata sul ciglio della strada a La Rabassada (Barcellona) il 31 luglio 1936.

Queste due sorelle non hanno avuto altri testimoni nell'ora della loro morte che i loro assassini e il Signore Gesù, che ha dato loro la forza di affrontare questo momento.

Suor Daniela de San Bernabé, cm

È nato a Berriatúa (Vizcaya) il 4 aprile 1890. All'età di 20 anni è entrata nel noviziato delle Suore Carmelitane Missionarie a Gracia-Barcellona. Ha emesso la professione religiosa il 16 ottobre 1916.

I suoi compagni la ricordano come una persona dedita, semplice, umile, con grande spirito di sacrificio, gioviale, allegra, gentile e laboriosa. 

Ha sempre svolto la sua missione nel campo dell'assistenza sanitaria. Negli ultimi anni si è dedicata all'assistenza dei malati a casa. Mentre si dedicava completamente alla cura di una donna gravemente malata a Pedralbes, che la faceva andare ogni giorno da Gracia (Barcellona) a Pedralbes in tram, con suor Gabriela furono arrestate dal "Comitato Rosso" e uccise a La Rabassada (Barcellona), il 31 luglio 1936. 

Suor Gabriela de San Juan de la Cruz, cm

È nato a Espluga de Francolí (Tarragona) il 18 luglio 1880. All'età di 26 anni entra nel noviziato di Gracia-Barcellona. Ha emesso la professione di suora missionaria carmelitana il 6 ottobre 1908. 

Era caratteristicamente allegra, libera, molto determinata, fraterna e caritatevole. Di fronte alle tensioni antireligiose, la sua famiglia la invita a tornare temporaneamente a casa, per essere al sicuro, e la sua risposta è sempre la stessa: "Che era pronta a dare la vita e a morire con le sorelle..." .... Che se Dio l'aveva destinata al martirio, le avrebbe dato la grazia necessaria.  

Ha trovato la morte per mano del "Comitato Rosso" insieme a Suor Daniela, quando hanno viaggiato da Gracia a Pedralbes e ritorno in tram per assistere una donna gravemente malata. È stata denunciata come suora da un impiegato del tram. Assassinato il 31 luglio 1936 a La Rabassada (Barcellona).

Inno in onore dei martiri spagnoli del XX secolo

Testi: Luis Alfredo Díaz Brito

Hanno fissato gli occhi su Cristo
e non si voltarono indietro.
Sapevano di chi fidarsi
E questa ragione ha prevalso.

Erano bendati
legato mani e piedi.
Ma il cuore che batte
pieno di amore e di fede.

Come i martiri,
i nostri fratelli e sorelle
di lingua spagnola,
vogliamo essere:
donare la nostra vita
unire le mani
e preparare
per una nuova alba.

Se oggi i nostri passi vacillano
se oggi la nostra fede si stanca.
Dobbiamo fissare lo sguardo
in Cristo e con la forza di credere.

Rimozione delle bende
liberare le nostre mani e i nostri piedi.
E con un cuore disposto
seguire come loro dietro a Lui.

Come i martiri,
i nostri fratelli e sorelle
di lingua spagnola,
vogliamo essere:
donare la nostra vita
unire le mani
e preparare
per una nuova alba

chiudere

Iscriviti alla nostra newsletter

La privacy *

Non inviamo spam. Leggi il nostro Informativa sulla privacy.

it_ITIT
Condividi questo