L'attività letteraria di Francisco ci è ben nota. Eulogio Pacho ha pubblicato una monografia bibliografica, critica ed esaustiva su questo aspetto della sua opera. Le sue conclusioni si basano su solide fondamenta.

Questi scritti rivelano la forte personalità del loro autore; ci mettono in contatto diretto con essa, così ricca di sfumature; la maggior parte di essi ha un'intenzione pastorale e pedagogica. Tutti si concentrano su contenuti spirituali. Più le loro pagine sono intime e personali, meglio ci introducono nella profondità del loro spirito; quelle di natura dottrinale rivelano le preoccupazioni e i pensieri dell'autore. La differenza principale sta nel genere letterario: mentre le opere stampate hanno un carattere marcatamente dottrinale e informativo, i manoscritti o le opere inedite hanno un contenuto più confidenziale e autobiografico.

Francisco Palau non ha mai sentito una vocazione speciale per la scrittura; è stato più uno scrittore d'occasione che di consacrazione. Per lui la penna è sempre stata uno strumento di apostolato o un mezzo di comunione spirituale.

Tutte le sue pubblicazioni sono di lunghezza relativamente modesta, con schemi molto semplici; è molto attento ai destinatari; la sua produzione nel complesso è notevole, ma nessuna delle sue opere contiene tutti i suoi insegnamenti, ma quasi tutte contengono alcuni contenuti che egli preferiva; elementi dottrinali ed esperienze autobiografiche sono inoltre intimamente intrecciati, al punto che non è facile distinguere chiaramente tra i campi, né farsi un'idea esatta del pensiero che li sottende.

Le biografie lo ritraggono per intero e in tutte palpita la stessa foga, anche quelle che mantengono un tenore dottrinale più chiaro, sono presentate come testimonianza inconfutabile dei suoi profondi sentimenti ecclesiali.

Sia i contenuti trattati che il metodo adottato sono condizionati dall'ambiente storico in cui è stato coinvolto, dal suo

personalità vigorosa.

Scrisse in diverse lingue: latino, spagnolo, catalano e francese popolare. Questo pluralismo linguistico nella lingua parlata e scritta è una delle ragioni della mancanza di pulizia letteraria delle sue opere. Sono rimasti pochi esempi di latino, quindi non possiamo giudicare la sua padronanza. Senza essere perfette, quelle trascritte in spagnolo sono le più riuscite; egli scrive sempre senza preoccupazioni artistiche, l'unica cosa che gli interessa è l'efficacia pratica delle sue pagine, e ce ne sono molte con un'alta intonazione biblica. Quando descrive visioni o contempla bei paesaggi del creato, la sua penna scorre agile ed elegante; li troviamo nella Vita solitaria, nelle Mie relazioni, in alcuni brevi articoli di giornale e persino in alcune lettere intime, tranne in rare occasioni - come nel Catechismo delle virtù - in cui procede senza piani sistematicamente definiti.

La sua penna procede a zig zag intorno a un pensiero dominante, riuscendo a plasmarlo in un'espressione felice o in una serie di rappresentazioni metaforiche. La caratteristica più evidente del suo lavoro è l'insopprimibile tendenza all'espressione figurativa. Nella stessa opera e persino nella stessa pagina si intrecciano forme espressive che possono essere viste come fatti reali, storici, ma che sono solo una ricostruzione immaginaria.

La sua predilezione per l'espressione simbolica lo porta a fare uso di generi letterari tipicamente biblici, tra cui il profetico, il mistico e l'apocalittico, e ha le sue potenti ragioni per farlo: la familiarità con la Sacra Scrittura, la risonanza degli autori mistici, specialmente della spiritualità carmelitana, la difficoltà di esprimere - nel linguaggio quotidiano - esperienze di così vigorosa intensità.

Un'altra forma di comunicazione scritta, molto sua, si manifesta nel dialogo, tipico della forma memoristica; a volte inventa un interlocutore con cui conversare: quello di Teofila nel Lotta. Altre volte, nei suoi scritti intimi, il dialogo è semplicemente un artificio. Il caso più emblematico si trova in Le mie relazioni, un'opera su ciò che gli era più caro: il mistero della Chiesa.

it_ITIT
Condividi questo